Caricamento Eventi
  • Questo evento è passato.

Girotondo è  il quarto capitolo di Kyklops, vedere l’intero.

Da un’idea di Enzo Tomasello, a cura  di Daniela Vasta, «KYKLOPS – Vedere l’intero» si snoda imitando la ‘forma romanzo’, con una ‘Introduzione’ (mostra collettiva legata al territorio prossimo), uno svolgimento (mostre personali, come capitoli del testo, a cui lo stesso artista dà il titolo); non a caso, quando parliamo di impostare una mostra personale o collettiva, diciamo di ‘impaginare’ una mostra. Quadro e libro. Questi due riferimenti, che sembrano superati, servono ancora a dare il senso della posizione da cui osservare in modo ‘glocal’.

Biografia

Giovanna Vinciguerra
Giovanna Vinciguerra è nata a Catania nel 1988. Diploma Accademico di II livello in Decorazione, presso l’Accademia di Belle Arti di Catania e l’Accademia di Belle Arti di Madrid.

Ha lavorato a Yambol in Bulgaria.Ha lavorato nel Restauro e Conservazione dei Beni Culturali a Lisbona. Portogallo.
Attualmente è docente di Videoscultura all’Accademia di Belle Arti di Catania.

Nota critica

Spaziando dalla pittura alla scultura alla fotografia, questa giovane artista ama esplorare le potenzialità espressive dei materiali, quasi a volerne svelare il codice segreto. Terracotta, caolino, laminato, ferro, gesso: ora lasciati nella loro nudità, ora manipolati e trasformati, ora infine ricomposti in assemblaggi inediti ed evocativi, i materiali diventano un alfabeto ricco di sonorità e di spunti sensoriali. Anche l’immagine fotografica viene sottoposta a una rielaborazione o, “reagendo” con altri materiali, ricerca un effetto di détournement, produce un cortocircuito significante-significato che resta aperto e sospeso. Sembrano polarità inconciliabili le rigorose geometrie di Trittico e Storniolo e le cromie calde e golose di Banizza: eppure sono scampoli entrambi di uno stesso alfabeto, vòlto a tradurre in immagini e oggetti un’attitudine indagatoria e uno sperimentalismo materico nei quali, in ultima analisi, non è forse assente un accento ludico e dada.

Mostre

Fiori”, installazione, Yambol, Bulgaria; La vita in ascolto Rassegna d’arte contemporanea, a cura di G. Radice Galleria Auditorium Nelson Mandela, Catania; 2014

Re-framing / opere di artisti contemporanei. Fondazione Lamberto Pugelli. Catania.
“La vita in ascolto” per un impegno civile, Rassegna d’Arte Contemporanea, a cura di Giuseppina Radice, galleria d’arte Nelson Mandela, Misterbianco, Catania;

ARCHITECTS MEET IN SELINUNTE_ MASH UP;
Curzio, G.A. Potenza, Palazzo della Cultura, Catania;

Sguardi per una città visibile, a cura di G. Guzzo, G. Radice, L. Curione, M. Lo Roma; Video Art in Sicily, Museo Forma di Spadafora, Messina; “EgosuperEgoalterEgo. Volto e Corpo Contemporaneo dell’Arte”, MACRO, “Recherche” mostra personale, a cura di Sara Mangano, Arte Club, Catania; Omaggio all’arte 100×100. Galleria L’Arte Club Catania;

L’evoluzione della materia, a cura di A. Pricoco, Castello di Nelson. Maniace di Bronte;
Art Factory 04, “Innocenza”, Catania; “Pañuelo”, a cura di Silvia Lucia Sampugnaro Seminario 2 CES FELIPE II Aranjuez, Madrid;

Fondazione La Verde La Malfa, San Giovanni La Punta, Catania;
III Premio Internazionale di Poesia, ALCANTÀRA, Arte Musica e Poesia, Vibo Valentia; Festival di Gavignano, “Esculapio, il sogno che svela”;
“Dalla Monnezza alla Bellezza”, Camigliano;
Premio Internazionale LIMEN ARTE 2013 Palazzo Comunale “E. Gagliardi”, Estemporanea di pittura, Centro Sicilia, Catania;
Spazio Cultura Meno Assenza, Pozzallo, Ragusa;
Area 189. Dalla Gra ca d’arte al multimediale. Palazzo della Cultura di Catania. Verde La Malfa, San Giovanni La Punta, Catania;
Terre diverse, a cura di S.L.Sampugnaro. Galleria Amaracrista, Fondazione La Catania e presentata all’Accademia di Belle Arti di Catania.
”La fuitina”, installazione sonora realizzata per il quartiere San Cristoforo di Catania.
Performance:“Il sale”. Palazzo Vanasco.Accademia di Belle Arti di Catania; Stage formativo di scultura con l’Associazione Fiumara d’Arte di Antonio Presti e gli artisti Stefania Perna e Leonardo Cumbo;